Tornare alla panoramica

Come funziona un’auto elettrica?

07.12.21
Sostenibile

Come uno smartphone o un computer portatile, ogni auto elettrica contiene una batteria. Ma per evitare che si surriscaldi, come un computer portatile dopo una lunga giornata di lavoro, è gestito da un complesso sistema di raffreddamento. Ironicamente, questa è anche la parte che consuma più energia dalla batteria. Come uno smartphone, la batteria dell’auto si carica con la corrente elettrica e la rilascia sotto forma di corrente alternata a due batterie diverse. La prima, la batteria a basso voltaggio, è responsabile dell’elettronica dell’auto – il computer di bordo, le serrature delle portiere, i tergicristalli, ecc. La seconda batteria alimenta il motore.

Magnetico, statico, veloce

In parole povere, funziona così: c’è un magnete statico nel motore. Questo magnete genera un campo magnetico alternato grazie alla corrente che riceve. Il secondo magnete, che è collegato al primo come un’elica, è attratto e respinto da poli alternati. Questo lo mette in movimento e lo fa ruotare. Da qui il nome «rotore». Le ruote iniziano a muoversi.

Il silenzio che ripaga

A differenza del motore a combustione, l’auto elettrica è appena percettibile all’avvio e al funzionamento. Inoltre, ha piena potenza fin dal primo momento. In generale, il controllo della velocità è estremamente intelligente. Non solo l’accelerazione è fluida, ma anche la frenata, che nella maggior parte dei modelli avviene semplicemente rilasciando il pedale dell’acceleratore. Inoltre, l’elettricità non utilizzata può essere recuperata dalla batteria a bassa tensione. Così, quando si guida in discesa o si frena, una parte dell’energia viene restituita alla batteria. Le auto elettriche non sono solo silenziose e intelligenti, ma si consumano anche molto meno rispetto alle auto a benzina. Non hanno bisogno di frizioni, cambi o altre parti che possono essere danneggiate.

L’auto con molte vite

E offrono un grande potenziale per un nuovo utilizzo dello spazio. Questo perché la batteria si trova nel terreno e le batterie sull’asse anteriore o posteriore, che si chiama “skateboard”. È quindi possibile, a seconda dei casi, creare un bagagliaio anche sotto il cofano. Ma le auto elettriche non hanno solo spazio da offrire, hanno anche molto da offrire in termini di durata. Molti produttori si stanno già concentrando sul riciclaggio. Parti dell’abitacolo o dei paraurti non vengono ricavate solo da vecchie carrozzerie, ma anche da altri materiali, dai coperchi in PET ai vecchi vestiti, e persino le batterie trovano nuovi impieghi. In BMW, ad esempio, sono state collegate 700 vecchie batterie della BMW i3. Vengono utilizzati per immagazzinare l’energia solare ed eolica per la produzione.

In breve, nulla è più come prima nell’auto elettrica e c’è molto da aspettarsi. Ci permettiamo già di prevedere che sono il futuro della mobilità, vedremo. Dopo tutto, era già stato previsto più di un secolo fa, ma questa è un’altra storia.