Tornare alla panoramica

E-mobilità e scarsità di energia elettrica, non è un argomento controverso? 

10.26.22
Conoscenza, Sostenibile

Al momento siamo inondati di consigli su come risparmiare energia elettrica. Quindi abbassiamo il riscaldamento, spegniamo saggiamente le luci e alcune anime coraggiose provano persino a fare una doccia fredda. E con tutti questi sforzi, sono sicuro che molti si stanno chiedendo perché continuiamo a parlare di auto elettriche quando la carenza di elettricità è imminente. Passare a un’auto che presumibilmente azzererebbe i risparmi sarebbe del tutto insensato, non è vero? Beh, se si viaggia in bicicletta o a piedi, non c’è problema. Dopo tutto, questi sono i mezzi di trasporto più ecologici. Ma se l’alternativa è un’auto a benzina o diesel, le cose sono un po’ più complicate. Dopo tutto, un motore a combustione consuma anche molta elettricità. Non direttamente per la propulsione, ma per la cosiddetta «elettricità grigia». Si tratta dell’energia necessaria per produrre e far funzionare apparecchi e macchine. 

Dove consuma esattamente l’elettricità un motore a combustione? 

Cominciamo con il carburante: la benzina e il diesel sono entrambi prodotti dal petrolio. I processi coinvolti sono estremamente complessi e consumano un’enorme quantità di elettricità. Ad esempio, una delle fasi del processo prevede il riscaldamento della materia prima ad una temperatura fino a 400 gradi Celsius. A titolo di confronto, riscaldare un singolo litro d’acqua a 100 gradi richiede 0,184 kWh di elettricità. Ora immaginate l’enorme quantità di petrolio necessaria per la produzione. Oltre all’elettricità grigia consumata qui, c’è un altro problema: il riscaldamento rilascia grandi quantità di anidride carbonica, che contribuisce alla crisi climatica. E non sono solo la benzina e il diesel a risentire dell’elettricità grigia. Lo stesso vale per i lubrificanti o l’AdBlue. In cifre, 1 tonnellata di AdBlue richiede da 85 a 160 kWhA per la sua produzione. Inoltre, l’elettricità viene consumata durante il trasporto, la produzione di materiali di imballaggio e la vendita stessa. 

Fare il pieno senza elettricità: impossibile 

Questo ci porta ad un altro elemento della ‘elettricità grigia’: le stazioni di servizio. Ogni stazione di servizio consuma circa 200.000 kWh all’anno. Circa 0,1 kWh di elettricità grigia per litro di benzina o diesel. E questo vale non solo per le stazioni di servizio luminose con i loro negozi integrati, ma anche per il rifornimento stesso. L’elettricità è necessaria anche per portare il carburante dalla pompa di benzina al serbatoio. Quindi un veicolo a combustione non funziona direttamente con l’elettricità, ma contribuisce con una certa quantità di “elettricità grigia” al bilancio energetico. Inoltre, consuma un’enorme quantità di petrolio, una preziosa materia prima che è alla base di molti altri prodotti (ad esempio, cosmetici, plastica, ecc.). Un altro punto importante è che un motore a combustione non converte tutta l’energia disponibile in movimento, ma gran parte in calore di scarto. Infatti, solo il 20-40% viene convertito in movimento. Al contrario, il motore elettrico utilizza il 90% per il movimento, il che rende le auto elettriche molto più efficienti dal punto di vista energetico (per saperne di più). 

Auch wer Benzin oder Diesel tankt, verbraucht dabei Strom und zwar mehr, als man vielleicht denkt.

Dall’elettricità grigia all’energia immagazzinata 

Questo è noto come «potere calorifico lordo» (GCV), che descrive l’energia rilasciata dalla combustione della sostanza. Un litro di benzina ha un HCV di 8,5 kWh per litro di diesel, o addirittura di 9,8 kWh per litro. Questa energia, se non viene sprecata nel motore dell’auto, potrebbe essere utilizzata in altri modi, ad esempio per il riscaldamento. Così come l’elettricità utilizzata da un’auto elettrica può essere impiegata per illuminare la casa, il frigorifero o la televisione. 

Quindi si capisce che rifiutare la mobilità elettrica perché l’elettricità è scarsa non è un motivo legittimo. La situazione è in realtà molto più complessa e coinvolge diversi fattori. Passare a un’auto elettrica è una decisione personale e non ha lo stesso senso per tutti, a seconda delle abitudini di guida e delle condizioni di vita. Spero, tuttavia, che non prenderete più in considerazione l’argomento della carenza di elettricità nella vostra decisione.